seguici su instagram

@PACKRAFTEXPERIENCE

un nuovo modo di viaggiare tra terra e acqua!

 

 

  

un'imbarcazione facile da condurre e quasi impossibile da rovesciare, veloce da gonfiare usando la stessa sacca di trasporto! in soli 6 kg la bellezza di pagaiare immersi nella natura.

Packraft monoposto, pensato per esplorare nuovi ambienti lacustri e fluviali, è ideale da abbinare alla bicicletta che trova posto a bordo, per un turismo lento e sostenibile. 

prezzo scontato Euro 480,00  

Uno scorcio di Adda in packraft

 

Ritrovo nei pressi della sponda.

Un rapido cambio d’abiti, lo zaino in spalla e la bici al piede.

Pochi metri e siamo già sulla riva, zaino aperto, imbarcazione sgonfia allungata a terra, un rapido innesto per l’inserimento del tubo di gonfiaggio. Ma dove? Non c’è la pompa? No, bastano dodici svuotamenti dello zaino di trasporto del packraft. Comodo no?

In mezz’ora è tutto pronto: packraft gonfio, bici legata in punta con la ruota anteriore sganciata, zaino da trasporto stagno con il cambio vestiti e il cibo all’interno, borraccia d’acqua ben legata, pagaia smontabile montata…

Una spinta, e via finalmente sull’acqua.

La pagaia si immerge, il raft scivola silenzioso, l’acqua, appena smossa, si allontana ondeggiando ritmicamente.

I cigni e le anatre riempiono lo spazio fluido, le folaghe si nascondono fra le canne, da dove i richiami dei cannarecci riempiono l’aria con i loro cigolii.

Il lago si stringe, l’Adda prende la sua forma ad anse, uno spazio fra il fitto canneto e il raft si infila in un laghetto nascosto, le fronde degli alberi ombreggiano il riparo dall’acqua bassa e ferma.

Di nuovo sul fiume, un’ansa, una serie di bolle smuovono la superficie, una variazione quasi impercettibile sulla riva, nota solo a chi conosce il segreto, un piccolo sentiero liquido dall’acqua limpidissima e il raft si insinua oltre la sponda, appena più larga dell’imbarcazione. Una piccola increspatura a venti metri dalla prua tradisce la presenza di una nutria, un lampo di metallo azzurro, è il tuffo di un Martin Pescatore, più veloce dell’occhio: è un mondo incantato, nascosto ai più che navigano solo nel corso principale.

Il canale termina e si è nuovamente nella grande massa verde del fiume che serpeggia circondato da sponde, che si innalzano sempre più ripide. Sulle sponde gruppi di ciclisti si susseguono ammirando il nostro incedere sull’acqua.

La sponda si fa comoda, tavoli e panche di legno invitano alla pausa. Sbarchiamo, tiriamo in secco i gommoni e prepariamo il pranzo. I contenitori stagni hanno fatto il loro dovere, il cibo caldo riempie lo stomaco e la condivisione di formaggio e salumi rende più piacevole la sosta favorendo le chiacchiere.

In pochi minuti siamo cambiati, i raft sono sgonfi e ben impacchettati, la parte superiore dello zaino lascia lo spazio perfetto per ricevere gli indumenti della navigazione.

La bici è nuovamente montata, lo zaino è in spalla, il bidone stagno ben legato al manubrio fornisce un’aria d’avventura estrema ai nostri mezzi. La strada segue la riva sinuosa a ritroso rispetto al viaggio dell’andata. Il paesaggio rivela nuove caratteristiche, le gambe si sgranchiscono spingendo velocemente sui pedali. Una breve sosta per fotografare uno scorcio caratteristico e via di nuovo, veloci e felici.

Il termine della pedalata in un locale tipico per riposarsi e condividere le emozioni, suggella la fine dell’avventura mentre si progetta la prossima.

Fabio Calvino (ambassador TRACCIAtrekking packraft, istruttore di canoa)

TRACCIAtrekking your way to Alps

       

 

TRACCIAtrekking è un marchio di proprietà PiGamma Gruppo SRLs

  P. IVA  IT03421170139  info@tracciatrekking.it

          

-eventuali riproduzioni di testi ed immagini contenute in questo sito dovranno essere autorizzate in forma scritta-

 

  • Instagram
team-building-e-incentive-lago-di-como-1
outdoorticinoriver_logo.jpg
logo_TRACCIATREKKING_trasparenza.png

 

 

                        e-commerce